Archivio per settembre, 2012

Prima di utilizzare Linux Mint Debian Edition (LMDE) usavo Ubuntu-12.04LTS. E ‘stata la mia peggiore esperienza con Ubuntu. Sembra che Ubuntu 12.04LTS non sia maturato. Ho affrontato un sacco di problemi come il blocco al mousepad, i crash di sistema dopo gli aggiornamenti, numerosi bug, ecc. In ogni caso non sono anti-ubuntu, però, Ubuntu12.04 è stata una frustrazione, pertanto, l’ho rimosso installando LMDE sul mio Dell Vostro-1540 (core i3). Dal momento che il kernel è stato costruito con LMDE 201 109 486, il kernel di default è in grado di rilevare solo un singolo core. Il risultato è stato pessimo perché il sistema non sfruttava al massimo le potenzialità dell’i3. Ho deciso, quindi, di installare il kernel 686, esattamente il 686-PAE. Questo kernel è la soluzione migliore per l’esecuzione di LMDE su sistemi ‘multi-core’.
Non c’è però bisogno di preoccuparsi. (altro…)

Annunci

Twitter sostiene la Linux Foundation

Pubblicato: 2 settembre 2012 in News
Tag:,

Diventerà socio, ma per la comunità del software libero non è molto «open»

NEW YORK
Twitter entrerà a far parte come socio sostenitore della Linux Foundation, l’associazione nata per promuovere il software libero. Lo ha annunciato la stessa azienda in un comunicato che afferma anche che un dirigente terrà una lezione alla prossima LinuxCon conference a San Diego fra pochi giorni. Fra i sostenitori della fondazione, creata nel 2000, ci sono anche molte altre aziende del mondo informatico, da Ibm a Intel a Oracle a Samsung. Lo status di sostenitore «silver» acquisito da Twitter costa circa 20mila dollari l’anno, mentre i soci «platinum» ne sborsano 500mila. «Linux è fondamentale per la nostra tecnologia – spiega Chris Aniszczyk, Manager of Open Source di Twitter – unendoci alla Linux Foundation possiamo supportare un’organizzazione che è importante per noi, e collaborare con una comunità che sta migliorando Linux con la stessa velocità con cui noi miglioriamo Twitter». L’annuncio è stato comunque accolto in modo tiepido dalla comunità di Linux, che ha sottolineato come nonostante gli annunci Twitter stia rendendo sempre meno «open source» il proprio software.
(Agi)

pcman-file-manager

PCManFM è un file manager per Linux, pensato come alternativa leggera a Nautilus, il file manager predefinito dell’ambiente desktop Gnome. Oltre a essere molto leggero permette di gestire più schede nella stessa finestra, supporta il drag and drop e può visualizzare le anteprime delle immagini e di altri file grafici. Nella configurazione di default non visualizza le anteprime per i file più grandi di 1 MB, così da non sprecare risorse: questo parametro può essere modificato nel pannello preferenze. Permette anche l’apertura del terminale nel percorso corrente e può gestire la modalità Super Utente, con permessi di root. (altro…)